giovedì 5 febbraio 2009

ATEO NO! Risposta a Repubblica.it

Ieri, dopo settimane di campagna contro un film di prossima uscita, finalmente la stampa ascolta la nostra voce. Ma come al solito costruisce la notizia oscurando lo spessore che c'è dietro una determinata azione.

Repubblica.it definisce la nostra associazione, VeraLibertà, “ultra cattolica”. E deforma il messaggio espresso dalla campagna “ATEO NO!”, decontestualizzando alcune frasi del nostro primo comunicato risalente al 26 gennaio.

Sentiamo l'esigenza perciò di fare chiarezza.

Innanzitutto la nostra campagna è motivata da due ragioni:

  1. affiggere un manifesto raffigurante le autorità massime delle tre religioni abrimitiche come scimmie offende la totalità, o quasi, dei credenti

  2. l'uscita di una pellicola cinematografica che ridicolizza le religioni ci chiama in causa come credenti

Di conseguenza, le richieste che noi abbiamo avanzato sono, per quanto riguarda il manifesto, di appello al Codice dell'Autodisciplina Pubblicitaria Italiana, e, per quanto riguarda il film, di visione preventiva da parte dell'associazionismo “religioso” e delle autorità competenti (Commissione per il Cinema).

Finora le nostre richieste sono cadute nel vuoto. Speriamo che la visibilità ottenuta in questi giorni si riveli proficua all'instaurarsi di un dialogo tra noi e la casa di distribuzione della pellicola in questione.


25 commenti:

  1. Effettivamente in questo caso, di spessore dietro la vostra azione ne vedo ben poco. La vostra è solo censura nei confronti di argomenti che ritenete intoccabili. Comunque, per quanto riguarda la vostra esigenza di fare chiarezza:

    1. un manifesto come quello non offende nessuno, non fatevi portavoce di gente che non rappresentate. Quella rappresentata è solo satira, la stessa che a volte ritrae in forme grottesche e esasperate nelle vignette i presidenti e varie personalità. Avessero fatto un manifesto in cui deridevano direttamente Dio, avrei pure capito, ma in questo caso no, visto che al massimo deridono personalità come il Papà che comunque è un uomo come tutti noi, quindi soggetto a satira.
    2 su questo posso anche essere d'accordo. Allora fate dei cineforum in cui controbattete a tutte le inesattezze che ci sono nel film, invece di insozzare con inutili manifesti.

    Inutile dire che le vostre richieste sono del tutto inutili e insensate a mio parere, soprattutto la seconda.Quel "visione preventiva da parte dell'associazionismo “religioso”" significa semplicemente censura perchè ovviamente nessun film che critica le vostre idee andrebbe mai bene. Pertanto non sta certo all'associazionismo religioso decidere cosa si possa vedere al cinema e cosa no. Quel film è un documentario, può piacere oppure no, ma non esiste alcun motivo al mondo per cui non dovrebbe essere trasmesso (ameno che non ci troviamo in uno di quei paesi governati da fondamentalisti religiosi).
    Ma poi scusate, state alzando tutto questo polverone, ma il film lo avete visto?

    Ad ogni modo, mi fate paura, non credevo esistessero dei fondamentalisti come voi tra i cristiani, dovreste vergognarvi.

    RispondiElimina
  2. ma non avete proprio nulla da fare???
    non capite che se fate così fate solo pubblicità al film?
    io adesso ho voglia fi vederlo mentre prima non mi attirava.
    Visto che siete ultra cattolici pensate di fare qualcosa di buono nel sociale invece di fare fantapolitica
    VERGOGNA DI QUESTO PAESE!!!

    RispondiElimina
  3. alfonsotoscano6 febbraio 2009 15:20

    Le religioni si ridicolizzano da sole. Non ci vuole una grande intelligenza per capire che le religioni raccontano solo stupidagini. Perché voi credete nel ridicolo non significa che ci devono credere tutti. VeraLiberta mi fate pena.

    RispondiElimina
  4. quelle tre scimmie non offendono la religiosita ma si riferiscono alle tre maggiori istituzioni religiose .
    Non si offende la spiritualita' ma si critica l'istituzione religiosa che di spirituale ha ben poco . Anche San Francesco criticava la chiesa ! lo vogliamo censurare ???

    nell'immaggine delle tre scimmie vedete una ignobile offesa , tanto sprezzante da non poter essere accettata ....in realta l'immaggine delle tre scimmie e' ben nota .
    E' ripresa dal santuario di Nikko , un santuario shintoista in Giappone
    Le tre scimmiette si tappano con le mani rispettivamente gli occhi, le orecchie e la bocca. I loro nomi sono “mizaru”, “kikazaru” e “iwazaru” e significano rispettivamente “non vedere il male”, “non sentire il male” e “non parlare del male”. Le tre scimmie erano le tre guardiane simboliche del mausoleo dello Shogun Tokugawa Ieyasu a Nikko.

    Ora a mio parere il manifesto del film con le tre scimmie raffigurate come le tre religioni monoteiste ha un fignificato chiaro e per nulla superficiale . E' un messaggio di critica ...le tre istituzioni religiose piu' importanti si occupano di sciocchezze e si rifiutano di individuare i reali problemi dell'umanita chiudendosi in se stesse rifiutandosi di sentire il male del mondo , rifiutandosi di parlare del male del mondo , di vederlo ,di denunciarlo ma si occupano solo di conservare il potere !!

    Scherzando e ridendo , il messaggio e' serio , censurare questo film e' gravissimo !!!nuncia !!!

    RispondiElimina
  5. Arcadio Centenaro6 febbraio 2009 20:42

    La "visione preventiva" dei film esiste già, si chiama Commissione per il Nullaosta (detta anche Commissione Censura, ma non in senso negativo), è un organo dello Stato Italiano composto da esperti di cinema, psicologi, sociologi e (cito testualmente) "una madre di famiglia", che ha il compito di guardare i film e decidere se sono adatti a tutti o vietati ai minori di anni 14 o 18. Sono cattolico anch'io, ma faccio innanzitutto parte della Repubblica Italiana (non di quella Vaticana), e quindi lascio che siano le autorità del mio Paese a decidere in merito a questo film, non l' "associazionismo religioso".

    Inoltre, dimenticate il fatto che il film si chiama "Religiolus" e mostra nella sua locandina tre scimmie vestite da religiosi. Non si chiama "Le avventure di Tizio e Caio" con in "copertina" Indiana Jones. Quindi, dato il titolo e la locandina, la gente sa benissimo cosa sta per andare a vedere. Non potete decidere voi cosa posso vedere e cosa no, decido io, decide ciascuno di noi per sé.

    E se proprio volete saperlo, il film io l'ho visto, e non è nemmeno un granchè. Volete un consiglio? Andate a vederlo e poi attaccatelo perchè è bruttino: così dimostrerete onestà intellettuale e parlerete di cose che davvero conoscete.

    RispondiElimina
  6. Ma di che vi preoccupate? Che scompaia il cristianesimo? Che male può fare un film comico?

    RispondiElimina
  7. visione preventiva da parti di chi? ma che dite....

    RispondiElimina
  8. Il bello è che il film si chiede se sia possibile il dissenso e la critica o se ci troviamo in presenza di fondamentalismo. Direi che avete risposto benissimo.
    Ma oltretutto cosa vuol dire "ateo no"? Se, come scrivete, vi sentite chiamati in causa e vi sentite in diritto di boicottare qualunque cosa si oppone alle vostre intoccabili e indimostrabili "tesi", perchè la scritta non critica esclusivamente il film invece di colpire alla cieca la categoria che tanto volentieri trattereste con metodi da inquisizione?
    Ma la gente si stà svegliando, piano piano..e con questi comportamenti non fate altro che accelerare il processo.

    RispondiElimina
  9. Comunque volevo farvi i complimenti per l'intelligentissima ed argutissima petizione...

    Immagino che ci sia la ressa per firmare...

    Sghignàzz... Muaahhahhahahhahha...

    RispondiElimina
  10. Una volta forse la religione era una argomento intoccabile, ma ragazzi, siamo nel 2009 e fortunatamente il diritto di critica esiste... Rappresentare i tre monoteismi con delle scimmie è di sicuro dissacrante, ma forse sarebbe piu' opportuno riflettere sui fattori che hanno determinato la scelta di una immagine cosi' forte. Quello che manca a molti credenti è proprio la capacità critica tant'è la maggioranza dei fedeli sostiene le scelte intraprese dal proprio patriarca anche se molto spesso queste scelte vanno contro il buon senso. Il che fa di queste persone un branco di scimmie, trovo che l'immagine sia molto aderente alla realtà.

    RispondiElimina
  11. non c'èpeggior cieco di chi non vuol vedere, vi attaccate come sanguisughe alla vostra fede, omettendo milioni di fatti che la negano e la rendono ridicolo all'occhio dell'uomo moderno che non ha piu bisogno dei dettami dela paura,tra l'altro gli unici che le religioni usano per avere ancora fedeli!la religione è l'oppio dei poveri!documentatevi e anche voi capirete che non esiste nessun dio....

    RispondiElimina
  12. Per chi non l'avesse capito questo blog non ha altro scopo se non quello di pubblicizzare il film in questione. è piuttosto palese

    RispondiElimina
  13. Dopo avere letto il vostro vergognoso blog, mi auguro solo una cosa. che i bigotti integralisti di tutte le religioni del mondo si scannino e si taglino la gola fra di loro. Ma come si fa a coprire un manifesto di un cinema, avete proprio la coda di paglia!!!! Ma noi atei mica veniamo nelle vostre chiese ad offendervi e a mettere cartelli sugli altari!!! Volete la guerra? Sieie degli specialisti da 2000 anni nel fare le guerre, ma anche noi siamo un miliardo come voi, per cui attenzione a quello che fate.

    RispondiElimina
  14. Sono tutte balle!
    http://www.cineblog.it/post/14937/religiolus-crociata-antiateo-a-roma

    Queste crociate sono VIRAL MARKETING per il film!

    GRANDISSIMI!

    RispondiElimina
  15. dio è malvagità e voi ne siete la prova

    RispondiElimina
  16. dio è malvagità e voi ne siete la prova

    RispondiElimina
  17. Perché tre povere scimmie dovrebbero essere un insulto? Sapete che sono, evolutivamente parlando, i nostri parenti più prossimi? Che condividono con noi il 99,4% del DNA codificante? Che hanno un'oganizzazione sociale simile a quella di molti gruppi umani, che usano strumenti e che comunicano tra loro (e che, purtroppo, si fanno la guerra proprio come noi)?
    Ma immagino che, insieme alla tolleranza, l'evoluzione dalle vostre parti non sia tanto ben vista.

    RispondiElimina
  18. W Brian di Nazareth
    W Religiolus

    Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza... voi no...

    RispondiElimina
  19. Vedo che avete avuto una idea furba per farvi pubblicità, spero per voi e per Noi che si tratti solo di interesse (vile denaro) e non di convinzioni profonde altrimenti potete fare un patto con gli integralisti ebrei e quelli arabi e fare un nuovo partito nazista.(non dimenticate la lega e il berlusca)
    Viva la libertà, quella di Voltaire.
    Comè che non si trova un torrent del film?

    RispondiElimina
  20. Sostengo in pieno la vostra campagna. Come mamma e come educatrice trovo inaccettabile che si permetta la libera diffusione di materiale che va contro la morale. Mi piange il cuore sapendo che tanti giovani vedranno questo abominio. I responsabili andrebbero appesi per i testicoli e insozzati con escrementi di vergine.

    RispondiElimina
  21. come disse luttazzi
    "se in un paese non incontri mai qualcosa che ti offende, significa che non vivi in un paese libero"
    il rispetto per gli altri, infatti, non significa che non si possa criticare ed ironizzare. anzi, con questo atteggiamento di censura non fate che confermare lo stereotipo delle tre scimmiete che "non vedono non sentono e non parlano" come simbolo di chiusura mentale.

    vorrei inoltre far notare che il disaccordo con qualcosa si può esprimere con molti modi, il più intelligente dei quali è quello di usare lo stesso strumento. la satira sulle religioni vi offende? be fate anche voi satira sull'ateismo.
    un semplice stikers con scritto "ateo no" veicola un solo messaggio: "siamo degli integralisti e non accettiamo idee contrarie alle nostre".. quello si che è offensivo! sul manifesto del film, infatti, non mi pare di leggere "cristiani no" o "chi crede in dio è un cretino".

    in sostanza vi consiglio di ragionare a fondo su questo problema. parlare di libertà e di dialogo sul'incipit di questo blog per poi promuovere iniziative del genere è un po' come predicare il rispetto reciproco con una svastica al braccio.

    riguardatevi

    RispondiElimina
  22. Procellaria, mi fai solo ridere. "ESCREMENTI DI VERGINE". Ma perché gli escrementi di vergine sono diversi degli escrementi di una non vergine? "ANDREBBERO APPESI PER I TESTICOLI" Ammazza!!! E tu saressti una educatrice, cosa educhi i bambini Talebani? che escono i kamikaze dalla tua scuola? Segui i vangeli alla lettera, vergognati sia come cristiana sia come persona.

    RispondiElimina
  23. Ehi ragazzi! L'attività langue!!!
    Nessun progetto censorio all'orizzonte?! :-)

    Ma qualcuno si prende la briga di spiegarci perché intitolare questa campagna "ATEO NO"?

    A procellaria, la mamma ed educatrice che trova "inaccettabile la libera diffusione di materiale che va contro la morale" (e chi te lo dice che Religiolus lo faccia?) faccio leggere quest'affermazione: "I responsabili andrebbero appesi per i testicoli e insozzati con escrementi di vergine". Questa è la tua morale?

    C'è da sperare che tu sia un troll...

    RispondiElimina
  24. No zemolo, credo che procellaria abbia preso la sua morale direttamente dalla Bibbia forse da questo passo:
    Giosuè 6:21 Votarono allo sterminio tutto ciò che era nella città, passando a fil di spada uomini, donne, bambini, vecchi, buoi, pecore e asini. ...

    o da questo

    ... ma voterai a completo sterminio gli Ittiti, gli Amorei, i Cananei, i Ferezei, gli Ivvei e i Gebusei, come il SIGNORE, il tuo Dio, ti ha comandato di fare.

    RispondiElimina
  25. LA RELIGIONE è UNA COSA INUTILE PER DARE POTERE A VECCHI INUTILI E A FARE PENSARE A GENTE BIGOTTA COME TUTTI COLORO CHE HANNO FATTO QUESTO ORRENDO BLOG CHE UN DIO SALVERà LE LORO ANIME E PORTERà IN CIELO I CREDENTI...
    ATEO SI


    VERGOGNA A VOI!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina